Woman and Technology

Tecnologia, Dopamina e Dipendenza

Woman and Technology

La tecnologia è meravigliosa. Ha cambiato il modo in cui comunichiamo. Ci ha dato accesso a informazioni specialistiche. Ci permette di lavorare oltre confine. Ha rivoluzionato il modo in cui vediamo il mondo. È divertente, è dinamico, è incredibile.

Ma la tecnologia significa anche che siamo bombardati da un flusso costante di stimoli. Le distrazioni ci vengono lanciate da tutte le angolazioni, che ci piaccia o no. Ci sono televisori nei luoghi pubblici, schermi nelle vetrine dei negozi e pubblicità non richiesta ovunque. I videogiochi e i social media contribuiscono a un assalto di luci lampeggianti e segnali acustici. E gli smartphone fanno sì che i nostri spazi tranquilli – fisicamente e mentalmente – siano invasi incessantemente. Questo è problematico perché il nostro DNA è programmato per funzionare in modo ottimale con una vita tranquilla e per rispondere istantaneamente a interruzioni insolite.

Prima della Rivoluzione Industriale del 18° secolo, gli unici suoni che sentivamo provenivano dalla natura – insetti, uccelli, animali, il tempo – e dalla nostra famiglia e clan. I movimenti e i suoni fuori dal comune hanno immediatamente catturato la nostra attenzione poiché indicavano il rischio di predatori o la fonte di cibo. La nostra sopravvivenza dipendeva da riflessi veloci, quindi il nostro cervello è diventato cablato per rispondere positivamente e istantaneamente agli stimoli attraverso un circuito chimico noto come piacere-e-ricompensa.

Woman in nature with smartphone.

Piacere e Ricompensa: il Circuito Chimico di Sopravvivenza

Il piacere e la ricompensa si attivano quando il corpo/cervello riceve stimoli particolari. I gusti di dolce, salato e grasso, e le attività fisiche come il sesso, attivano i recettori oppioidi nel cervello e inondano il circuito con il neurotrasmettitore, la dopamina. La dopamina regola il movimento, le emozioni, la cognizione, la motivazione e le sensazioni di piacere. Le sensazioni di piacere che riceviamo da questi stimolanti sono così forti che siamo motivati a cercare situazioni simili per ripetere l’esperienza.

Questo circuito ha funzionato brillantemente per l’homo sapiens durante l’evoluzione perché ci siamo imbattuti raramente nella maggior parte di quegli stimolanti. Ma oggi, a causa dei progressi della tecnologia, sono ovunque e sono inarrestabili. Inoltre, questi segnali sono molto più forti di qualsiasi cosa si trovi in natura. Tutto è sensazionalistico.

Ogni segnale attiva la risposta oppioide/dopamina e la ripetizione continua crea dipendenza. Funziona così:

  • Gli stimoli attivano la risposta di piacere e ricompensa, producendo una sensazione di euforia e il desiderio di avere di più.
  • Quando i recettori perdono la loro sensibilità, è necessaria una stimolazione più forte per ricevere lo stesso effetto.
  • L’assenza di stimoli scatena ansia e depressione.
  • L’ansia e la depressione aumentano la motivazione a cercare di più.
Child with computer.

IAD – Disturbo da Dipendenza da Internet (Internet Addiction Disorder)

Il Disturbo da Dipendenza da Internet, o IAD, è un nuovo campo di studio ma i suoi segni e sintomi seguono lo stesso schema di qualsiasi altro tipo di dipendenza. Una persona con IAD mostra preoccupazione per Internet, i social media e i videogiochi, insieme a compulsività, mancanza di controllo e incapacità di gestire il tempo. La tolleranza si accumula e le voglie vengono soddisfatte solo con più tempo o un nuovo gioco. I sintomi dell’astinenza sono evidenti quando l’accesso è negato: disagio fisico e/o emotivo, ansia, depressione ecc. Il comportamento continua nonostante le conseguenze negative come conflitti familiari e nonostante le prove di esclusione sociale, come riduzione della vita sociale, compromissione del funzionamento quotidiano , rendimento scolastico e/o lavorativo negativo e una riduzione complessiva del benessere psicologico.

In modo allarmante, l’eccessiva esposizione digitale riduce effettivamente la materia grigia nelle aree del cervello responsabili della parola, delle emozioni, dell’empatia, della concentrazione, del controllo motorio e degli impulsi. Provoca comportamenti compulsivi, stress e stanchezza. Aumenta il rischio di ansia, depressione, disturbo ossessivo compulsivo e ADHD.

La tecnologia rappresenta un rischio molto reale per la salute. Deve essere considerato alla stessa luce di altre sostanze che creano dipendenza e danno. Il nostro tempo con esso deve essere limitato e i bambini, i cui cervelli e ormoni sono ancora in una fase di sviluppo, devono essere protetti da esso.

Stranamente, è molto più probabile che proteggiamo noi stessi e i nostri figli dal sole, fonte di vita che fa bene alla salute, piuttosto che spegnere i nostri smartphone. Vedremo il problema della carenza di vitamina D da un’inadeguata esposizione al sole nel seguente post.

Trasforma il Dolore, il Peso e la Confusione in Libertà, Energia e Fiducia. Scarica ora la tua Guida Gratuita e scopri come Reset la tua Salute.

Leggi di Più

Privazione del Sonno: La Luci e i Ritmi Circadiani – Stai scherzando con gli ormoni del sonno?.

Cosa c’è di Sbagliato nel Cardio Cronico? – Perché troppo esercizio non è una buona cosa.

Il Cortisolo Alto ti rende Stressata – e Grassa? – Il cortisolo è l’ormone dello stress. Se sei costantemente stressato, non sarai in grado di perdere peso.

Credits

Woman and Technology Photo by ThisisEngineering RAEng on Unsplash, Woman in Nature with Smartphone Photo by Brooke Cagle on Unsplash, Child with computer Photo by Bermix Studio on Unsplash