Healthy Brain, Smart Brain: Switching On Intelligence!

Cervello Sano e Sveglio: Accendi la Intelligenza!

Healthy Brain, Smart Brain: Switching On Intelligence!

Vorrei fosse ovvio, ma va detto: per vivere bene bisogna essere svegli. Sviluppare la nostra intelligenza è una delle raccomandazioni importante del modello di salute ancestrale, con buone ragioni. I “poteri costituiti” vorrebbero che tutti noi fossimo mediocri nel migliore dei casi, ignoranti nel peggiore. Negli ultimi decenni, le risorse sono state gradualmente sottratte a scuole e università, i media comunicano in gran parte a un pubblico “stupido” e i social media hanno diminuito la nostra capacità di concentrazione. Il buon senso sembra essere un ricordo del passato, sommerso da una montagna di burocrazia, regole illogiche e regole meschine.

Il sistema educativo, dalla scuola primaria in poi, ci insegna come stare fermi e concentrarci su una gamma limitata di materie. Man mano che si avanza nella scala accademica, il raggio di visione si riduce a un unico punto.

Woman making pots.

“Generalisti”, non “Specialisti”

Ma gli esseri umani, per la maggior parte, si sono evoluti per essere “generalisti”, non “specialisti”. I nostri antenati erano in grado di svolgere una straordinaria gamma di compiti. Fino a non molto tempo fa, a qualsiasi giovane, maschio o femmina, poteva essere chiesto di coltivare un orto, spennare un pollo, mungere una capra, fare e rammendare vestiti, cucinare una vasta gamma di pasti, costruire una recinzione e riparare ogni sorta di cose. Avevano anche una bella calligrafia.

Oggi, l’esigenza di specializzarsi e diventare esperti in un campo ristretto, ci lascia tristemente ignoranti e incompetenti in tanti altri aspetti della vita. La maggior parte dei nostri ruoli e responsabilità quotidiane sono predeterminati dal nostro impiego e dalla nostra cultura. Al di là della gamma limitata di competenze richieste per svolgere tali compiti, c’è ben poco di cui siamo capaci. Consumismo significa che non abbiamo bisogno di acquisire nuove competenze: più possiamo acquistare, meno possiamo fare.

Sfortunatamente, una mente troppo specializzata e confinata diventa stressata, frustrata, infelice e inflessibile. Se la intelligenza non viene esercitata, perdiamo la capacità di risolvere i problemi della vita reale e diventiamo inclini a commettere errori.

La tecnologia significa che non pensiamo più molto. Il nostro cervello non ha bisogno di ricordare numeri di telefono o fare semplici calcoli aritmetici, figuriamoci prendere decisioni strategiche. Invece di risolvere un problema da soli, chiamiamo qualcuno, lo google o lo compriamo.

Se tuo figlio perde l’autobus, ad esempio, ti chiama con il suo smartphone e tu vai a prenderlo. Qualche anno fa, lui e i suoi amici avrebbero dovuto pensare e pianificare una strategia per tornare a casa sani e salvi. Avrebbero improvvisato un’avventura salutare – e tu ti saresti fidato della loro indipendenza. Se i bambini non fossero ancora abbastanza maturi per badare a se stessi, sarebbero rimasti a casa e si sarebbero divertiti con la loro immaginazione.

Girl in a painting studio

Flessibilità, Creatività, Intelligenza

Quante cose si possono costruire con una scatola di cartone, con legno e chiodi, con vernice e spago? Quanti giochi si possono inventare con un pezzo di corda? Io e i miei fratelli siamo cresciuti negli anni ’60, ’70 e ’80, ben prima della tecnologia e dei social media. Le nostre attività erano infinite e non costavano nulla. La nostra immaginazione non aveva limiti e non ci annoiavamo mai. Imparavamo e acquisivamo costantemente nuove abilità attraverso l’artigianato, l’invenzione e il gioco.

Il cervello ha bisogno di essere esercitato per essere flessibile e forte. La nostra intelligenza ha bisogno di essere stimolata attraverso la creatività, gli hobby e le sfide intellettuali. Le attività del “tempo libero” sono importanti per la gestione dello stress. Ci liberano dai nostri ruoli e dalle nostre responsabilità quotidiane. Promuovono il benessere, la produttività cognitiva e una buona salute mentale.

Quando pratichiamo un mestiere, impariamo una lingua o suoniamo uno strumento musicale, accediamo a parti del cervello che generalmente sono spente o chiuse. I cruciverba e il craft sfidano la nostra capacità di risolvere i problemi. Dipingere, ballare e disegnare liberano il nostro intuito.

Ci sono modi per attivare la nostra intelligenza che sono così divertenti e coinvolgenti che perdiamo la cognizione del tempo. Questo è un segno che ci stiamo connettendo con la nostra essenza interiore. Naturalmente, gli esseri umani sono felici, tranquilli, creativi e intelligenti. Esprimere liberamente queste qualità è un’indicazione di buona salute mentale e un segno che stiamo vivendo il nostro pieno potenziale.

Come Essere un Umano Sano

Se hai seguito questi post, ora sei a buon punto. Non solo capisci la differenza tra sopravvivere e prosperare, ma vuoi anche cambiare. Hai capito l’importanza di gestire lo stress, rafforzare il sistema immunitario e ridurre l’infiammazione. Sei piuttosto curioso dell’idea di abbandonare i carboidrati, bruciare i grassi e abbassare i livelli di stress. Ti senti motivato, ed è fantastico!

Nei seguenti post, entreremo nel nocciolo di ciò che serve per essere un umano sano.

Salute, Libertà, Passione. Amo aiutare le donne a ridurre il dolore, perdere il peso e ripristinare la loro energia. È facile una volta che sai come fare. Scarica la tua Guida Gratuita e lasciati ispirare.

Leggi di Più

Cultura, Natura, Spirito, Sé: Gli Strati della Relazione Umana – Espande la visione limitata della “relazione” che riguarda solo altre persone.

Protteto dal Sole: Carenza di Vitamina D ed Esposizione al Sole Insufficiente – La Vitamina D “accende” un’espressione genica positiva in un modo incredibile – e il meglio è riceverla attraverso la luce solare.

Tecnologia, Dopamina e Dipendenza: È questo il problema più grande che affrontiamo oggi?

Credits

Young Woman Reading Photo by Thought Catalog on Unsplash | Woman making pots Photo by Vaibhaw Kumar on Unsplash | Girl Painting Photo by Bárbara Fróes on Unsplash