Woman sunbathing next to a pool: Avoid Vitamin D deficiency.

Protetto dal Sole: Carenza di Vitamina D ed Esposizione al Sole Insufficiente

Woman sunbathing next to a pool: Avoid Vitamin D deficiency.

L’esposizione al sole è sempre stata un aspetto intrinseco di tutta la vita sulla Terra. 350 milioni di anni fa, i vertebrati lasciarono il mare e iniziarono a vivere sulla terra. La sintesi della vitamina D dalla luce solare ha permesso alle creature cellulari semplici di diventare più complesse e sviluppare scheletri. La capacità della vitamina D di potenziare la funzione immunitaria fa parte del nostro DNA da oltre 60 milioni di anni. Ma negli ultimi 100 anni, non  abbiamo solo drasticamente ridotto o eliminato la nostra esposizione al sole: ora ne abbiamo paura. Di conseguenza, stiamo riscontrando un enorme aumento dei problemi di salute legati alla carenza di vitamina D.

People reading in the sun: avoid Vitamin D deficiency.

La Vitamina D è Necessaria per una Buona Salute

La vitamina D, tecnicamente, non è una vitamina, ma un ormone precursore. È liposolubile e può essere immagazzinato nelle cellule adipose per un uso futuro. Svolge un ruolo centrale nel metabolizzare il calcio. Migliora l’assorbimento di nutrienti chiave come le vitamine A e C. Rafforza l’immunità, le funzioni cardiache e neurologiche e l’espressione genica. “Accende” circa 2.000 geni. Promuove livelli elevati degli ormoni del “benessere” come le beta-endorfine e la seratonina, motivo per cui il nostro stress si scioglie quando ci stendiamo al sole. E la vitamina D regola la crescita e il rinnovamento cellulare: in particolare, è importantissima per l’espressione del gene P53.

Girls playing in the sunshine.

Il Gene P53 e la Carenza di Vitamina D

Il gene P53 sovrintende a milioni di repliche cellulari giornaliere. Li informa di quando qualcosa è andato storto e li istruisce su cosa fare al riguardo. Svolge un ruolo importante nell’apoptosi, la naturale autodistruzione delle cellule danneggiate prima che diventino maligne. In assenza di vitamina D, il gene P53 si “spegne”, il che aumenta il rischio di molte forme di cancro.

Il nostro stile di vita al chiuso e sedentario e la nostra paura del sole, che fa sì che tutti si coprano il corpo con la crema solare, ha portato a un problema diffuso di carenza di vitamina D. Sebbene l’eccessiva esposizione al sole possa presentare un rischio per il cancro della pelle, non ci sono prove che colleghino l’esposizione moderata al sole a qualsiasi tipo di cancro della pelle. Al contrario, bassi livelli di vitamina D sono direttamente associati a molte forme di cancro, tra cui seno, colon-retto, prostata e ovaio.

Tu e i tuoi figli non avete bisogno di molta crema solare. Ogni homo sapiens ha la sua protezione integrata contro l’eccessiva radiazione solare UVA: la melanina.

Melanina: la tua Crema Solare Integrata

La melanina determina la colorazione naturale della nostra pelle, dei capelli e degli occhi: più scura è la nostra carnagione, più pigmento di melanina possediamo. La nostra pigmentazione determina la quantità di vitamina D che sintetizziamo. Le persone con la pelle chiara sono in grado di sintetizzare la vitamina D molto più velocemente di quelle con i pigmenti scuri, ma devono fare attenzione a non scottarsi. Le persone con la pelle scura, d’altra parte, hanno bisogno di più tempo per produrre quantità ottimali di vitamina D. Questo è un problema per quelli di origine Africana che vivono lontano dai paesi dei loro antenati. Gli uomini afroamericani hanno un rischio molto maggiore di mortalità per cancro rispetto agli uomini bianchi.

L’abbronzatura, quindi, è il sistema di autoregolazione del corpo su quanta luce ultravioletta assorbiamo.

Quanta Esposizione al Sole è Sufficiente?

“Esposizione solare moderata” significa da 10 a 20 minuti ogni giorno di luce solare diretta su vaste aree del corpo durante i mesi di massima intensità solare. Prendere il sole in costume da bagno è perfetto. Durante la primavera e l’autunno il sole del primo mattino e del tardo pomeriggio non è abbastanza forte da sostenere la produzione di vitamina D: i tempi migliori sono tra le 10 e le 15. Un’altra buona raccomandazione per sapere quanto tempo stare al sole è “la metà del tempo necessario per sostenere una leggera scottatura solare”.

Quando non possiamo spogliarci, riceveremo comunque benefici dall’esposizione delle braccia e delle mani. Va bene proteggere il viso e il collo: quelle aree non hanno una superficie abbastanza ampia da fare comunque molta differenza.

Stabilire e mantenere una buona abbronzatura dalla primavera all’autunno dovrebbe farti passare i mesi più bui poiché la vitamina D è liposolubile e verrà immagazzinata nelle cellule adipose. Ma questo dipende da dove vivi. Le latitudini lontane dall’equatore (ad es. Parigi, Francia e il confine tra Stati Uniti e Canada) ricevono luce solare adeguata per la produzione di vitamina D solo per circa 1/4 dell’anno. Per chi vive a queste latitudini, una vacanza di pieno inverno in una zona tropicale non è una cattiva idea!

Seal sunbathing.

Vitamin D, Cibo e Integratori

Alcuni alimenti contengono anche vitamina D. È interessante notare che quando l’homo sapiens emigrò nelle regioni più settentrionali del pianeta, la loro dieta, a base di grassi derivati da pesci grassi e mammiferi marini, forniva loro la vitamina D necessaria per il loro sviluppo, anche se stavano ricevendo poca esposizione al sole. Salmone selvatico, sgombro, aringa, olio di fegato di merluzzo e uova forniscono tra 200 – 1.000 I.U in una porzione.

Per coloro che non sono in grado di passare molto tempo al sole, un integratore di vitamina D è essenziale, ma nulla è paragonabile al sole. Una capsula o gocce di vitamina D possono dispensare 2000 I.U, ma solo 10 – 20 minuti al sole, esponendo circa la metà della superficie corporea, forniranno 2.000 – 4.000 I.U. Una seduta abbronzante di 30 minuti in una giornata estiva può produrre circa 10.000 I.U. Ma oltre alla quantità, la vitamina D del sole ha una biodisponibilità molto migliore rispetto agli integratori. Si assimila meglio e dura molto più a lungo.

Evita la Carenza di Vitamina D

La carenza di vitamina D aumenta il rischio di cancro compromettendo la funzione del gene P53. Contribuisce alle malattie cardiovascolari, al deterioramento cognitivo e alle difficoltà renali. Compromette il metabolismo del calcio e l’assorbimento di nutrienti chiave come le vitamine A e C. La carenza di vitamina D indebolisce il sistema immunitario, le funzioni neurologiche e l’espressione genica.

Abbiamo bisogno di sole, abbiamo bisogno di stare all’aperto. E per essere esseri umani sani, felici e vitali, abbiamo bisogno di connetterci non solo con la natura, ma con la nostra stessa natura. Nel seguente post, vedremo come le relazioni amorevoli, il tempo trascorso in solitudine e una mente flessibile siano essenziali per il benessere a lungo termine.

Grazie della visita. Prima di partire, non dimenticare di iscriverti alle News e scaricare il tuo E-book e i tuoi PDF stampabili: scopri quanto è facile a fare un Reset alla tua salute.

Leggi di Più

Tecnologia, Dopamina e Dipendenza – Spiega perché è così difficile lasciare lo smartphone a casa.

Privazione del Sonno: Le Luci e i Ritmi Circadiani – Strano pensare che ora dobbiamo fare qualcosa per creare l’oscurità.

Cosa c’è di Sbagliato nel Cardio Cronico? – Perché molte persone stanno facendo più danni che benefici con le loro routine di esercizi.

Credits

Woman Sunbathing by Pool Photo by Arturo Rivera on Unsplash | People reading in the sun Photo by Jingda Chen on Unsplash | Girls playing in the sunshine Photo by Vitolda Klein on Unsplash | People on the Beach Photo by Ferran Feixas on Unsplash | Seal sunbathing Photo by Birger Strahl on Unsplash

Tags: